?>
atriplice

Atriplice

Categoria: .

Descrizione prodotto

Origine

Affine allo spinacio, questo antico ortaggio fu molto stimato nel medioevo e nel periodo rinascimentale, venne, nel ‘700, man mano sostituito dall’attuale spinacio.
Ancora nel 1868 è descritto tra le specie da orto nel Manuale dell’ortolano, dei fratelli Marcellino e Giuseppe Roda e anche nel 1885 compare nel catalogo della storica ditta sementiera Vilmorin-Andrieux.

Pianta

Pianta molto bella, rustica, annuale, alta fino a 2 m., con fusto eretto, di forma piramidale, con foglie grandi e larghe, triangolari, con forma che ricorda una punta di freccia.

Utilizzazione

Si utilizzano le foglie e i fusti teneri come gli spinaci. Il gusto è simile a quello degli spinaci; le foglie cotte mantengono il loro colore e sono consumabili anche crude.